mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeSaluteAlzheimer : Un nuovo farmaco riduce la progressione della Malattia

Alzheimer : Un nuovo farmaco riduce la progressione della Malattia

Momento storico: il nuovo farmaco per l’Alzheimer riduce la progressione della Malattia

Gli esperti hanno rilasciato i primi dati preliminari di un nuovo farmaco per curare e rallentare l’Alzheimer, il primo a raggiungere questo obiettivo.

La casa farmaceutica giapponese Eisai ha annunciato che la fase finale dello studio in corso su un farmaco sperimentale contro l’Alzheimer ha dato risultati positivi nel rallentare la malattia.

Eisai ha pubblicato i risultati dello studio clinico, la terza e ultima fase dell’analisi di lecanemab, un nuovo trattamento per la malattia neurodegenerativa che sta studiando con il produttore statunitense di farmaci Biogen.

Lo studio clinico è iniziato a marzo 2019 e ha coinvolto 1.795 persone provenienti da Giappone, Stati Uniti ed Europa con decadimento cognitivo lieve (demenza) o Alzheimer in fase iniziale con anomalie confermate della beta-amiloide (un peptide chiave dello sviluppo).

“Si tratta di una pietra miliare per la ricerca, in quanto è la prima sperimentazione di fase 3 di un farmaco per l’Alzheimer da una generazione a questa parte, in grado di arrestare il declino cognitivo”, ha dichiarato la dottoressa Susan Kohlhaas, direttore della ricerca di Alzheimer’s UK, un’organizzazione britannica specializzata nella ricerca sulla demenza.

“Molte persone pensano che l’Alzheimer sia una parte inevitabile dell’invecchiamento. Questo dimostra che se si interviene tempestivamente, si possono influenzare i progressi delle persone”, ha aggiunto.

Alzheimer
Alzheimer

Dobbiamo essere cauti.


Nonostante l’entusiasmo degli esperti, essi hanno messo in guardia dalla natura preliminare dei risultati. Masud Husain, professore di neurologia all’Università di Oxford, ha dichiarato in un comunicato: “Sebbene la sintesi dei risultati appaia certamente molto incoraggiante, dovremmo essere cauti finché non ci sarà permesso di esaminare i dati nella loro interezza”.

“È anche importante tenere presente che i risultati della sperimentazione si applicano solo alle persone con malattia di Alzheimer lieve, non a tutte le persone affette da questa patologia, e che il farmaco ha avuto effetti collaterali significativi, tra cui emorragie cerebrali”, ha avvertito.

Rallentare il progresso dell’Alzheimer

I pazienti sono stati divisi in due gruppi: a un gruppo è stato somministrato il farmaco una volta ogni due settimane per 18 mesi, mentre all’altro è stato somministrato un placebo per studiare i cambiamenti nella loro funzione cognitiva.

Dopo un anno e mezzo, il gruppo trattato con lecanemab ha registrato una riduzione del 27% del peggioramento dei sintomi rispetto al gruppo placebo e dopo sei mesi “il trattamento ha mostrato cambiamenti statisticamente significativi” nelle prestazioni cognitive, secondo i risultati dello studio.

Attualmente è in corso un altro studio che coinvolge 111 pazienti in Cina.

Prevenzione della distruzione delle cellule nervose
Il lecanemab è progettato per prevenire la progressione dell’Alzheimer legando un anticorpo alla beta-amiloide (che si accumula in modo anomalo nel cervello dei pazienti affetti da Alzheimer, la forma più comune di demenza) e rimuovendola, per evitare la distruzione delle cellule nervose.

Eisai presenterà i risultati dello studio all’Alzheimer Clinical Trials Congress che si terrà negli Stati Uniti il 29 novembre e discuterà i risultati con le autorità di regolamentazione per richiedere l’approvazione del farmaco negli Stati Uniti, in Giappone e in Europa entro marzo 2023.

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments