domenica, Dicembre 4, 2022
Homealimentazionevino sintetico.Come trasformano l’acqua in vino senza usare l’uva

vino sintetico.Come trasformano l’acqua in vino senza usare l’uva


Se non stiamo attenti potremmo bere vino sintetico.Come trasformano l’acqua in vino senza usare l’uva





In arrivo il vino sintetico, realizzato senza uva: una start-up di San Francisco, Ava Winery, formata da due chimici realizza vino sintetico partendo dall’ acqua.





La
trasformazione di acqua in vino che ricorda molto quella di un famoso
miracolo nel Vangelo è diventata realtà. Ma stavolta non si tratta di un
miracolo, bensì di reazioni chimiche che, partendo dall’ acqua, con
l’aggiunta di additivi chimici ed alimentari, sono in grado di generare
vino sintetico senza nemmeno l’ombra dell’ uva.





A fare tale scoperta sono stati Due enologi di San Francisco, Mardonn Chua e Alec Lee,   che hanno rivelato al DalyMail  lo spunto che li ha portati ad avere tale idea e successivamente alla scoperta.
I due chimici dopo avere visto la bottiglia di un pregiato e costosissimo Chardonnay in un’enoteca in California, si sono resi conto che non avrebbero mai potuto permettersela. E così si sono chiesti se ci fosse un modo per creare un vino pregiato a portata di tutte le tasche. Essendo chimici ovviamente hanno cercato la risposta nella chimica.





Ne è venuta fuori la fondazione di una startup, Ava Winery, cheoggi è in grado di produrre il vino in maniera del tutto artificiale tramite un mix di ingredienti mischiati all’acqua.









Partendo dall’ acqua infatti il loro procedimento consente di
ottenere del vino sintetico in appena 15 minuti. Il protagonista
principale di tale composto è l’etanolo presente al 13%, il 2% è
composto da additivi vari tra i quali acido tartarico, acido malico,
polvere di tannino, saccarosio, glicerina vegetale (per migliorare il
sapore) e tutta una serie di composti aromatici dal profumo agrumato e
fruttato. Il restante 85% ovviamente è fatto di acqua.





Lo scopo di Ava Winery





Lo scopo di Ava Winery
è quello di introdurre nel mercato le repliche chimiche dei vini più
pregiati, che potrebbero trarre in inganno i consumatori meno attenti o
più focalizzati sul risparmio che sulla qualità. Obiettivo ampiamente
raggiunto in quanto alcune di queste repliche sono già presenti nei
mercati di tutto il mondo.





Ovviamente  la qualità di questo composto è nettamente inferiore ai vini pregiati veri e propri. Dopo aver appreso quanto descritto, nel caso in cui vi troviate di fronte ad un vino pregiato venduto un prezzo stranamente basso, ponetevi la domanda: “Ma sarà fatto di uva?” Di jedaNe


Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments