lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeucrainaUcraina: Mosca annuncia la ritirata da Kherson

Ucraina: Mosca annuncia la ritirata da Kherson

Mosca annuncia la ritirata da Kherson

La Russia ha confermato il ritiro delle sue truppe dalla sponda occidentale del fiume Dnieper, che comprende la città chiave di Kherson. Se confermato, il ritiro è un grande successo per l’Ucraina e una sconfitta per il Cremlino, che si prepara ad abbandonare l’unico capoluogo di provincia che è riuscito a conquistare dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio.

Il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu ha dato il via libera al ritiro proposto dal comandante generale delle Forze armate russe in Ucraina, Sergey Surovikin. “Capisco che si tratta di una decisione molto difficile, ma allo stesso tempo preserveremo ciò che è più importante: le vite dei nostri militari e la capacità di combattimento dei nostri gruppi di truppe”, ha dichiarato il capo militare in una dichiarazione di guerra diffusa dal dipartimento della difesa russo.

La riconquista di Kherson è fondamentale per l’esercito Ucraino, in quanto gli permetterebbe di riaffermare il controllo ucraino sul Mar Nero e su altre località strategiche come il porto di Odessa.

Dalla fine dell’estate, le forze ucraine hanno lanciato una controffensiva che ha incluso attacchi come gli Himar (High Mobility Artillery Rocket Systems) forniti dagli Stati Uniti, droni e fanteria, che hanno permesso loro di riconquistare parte del territorio perso nelle ultime settimane.

La possibilità che la città tornasse sotto il controllo di Kiev era prevedibile. Qualche settimana fa Mosca ha iniziato a evacuare i civili e pochi giorni fa le bandiere russe hanno smesso di sventolare su diversi edifici dell’amministrazione imposta dal Cremlino.

La notizia ha coinciso anche con l’annuncio della morte, presumibilmente in un incidente stradale, del vice governatore che la Russia ha imposto a Kherson, Kirill Stremousov.


La notizia è stata accolta con molto scetticismo da parte di Kiev.

“Finché la bandiera ucraina non sventola su Kherson, non ha senso parlare di ritiro”, ha dichiarato il consigliere presidenziale Mikhail Podoliak, secondo quanto riportato da Reuters.

I servizi di intelligence ucraini e occidentali non escludono la possibilità che Mosca finga un ritiro per tendere un’imboscata alle truppe di Kiev all’interno della città e scatenarvi una guerra urbana.

In ogni caso, il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato che è “incoraggiante” vedere dei progressi in Ucraina.

“I successi delle forze armate ucraine appartengono ai coraggiosi soldati ucraini, ma naturalmente è essenziale anche il sostegno che ricevono dal Regno Unito, dagli alleati e dai partner della NATO”, ha dichiarato.

È impossibile per Mosca descrivere questo ritiro come qualcosa di diverso da un’umiliante battuta d’arresto – la sua più grande perdita da quando l’Ucraina ha riconquistato ampie aree intorno alla città di Kharkiv all’inizio dell’autunno.

E mina ulteriormente l’annuncio di Putin , secondo cui la Russia avrebbe annesso diverse province ucraine, tra cui quella di Kherson, che secondo Putin sarebbe rimasta territorio russo “per sempre”.

Ci sono diversi motivi per cui l’Ucraina non deve al momento festeggiare.

Uno dei principali motivi è che le forze russe in ritirata hanno probabilmente lasciato mine e trappole esplosive per gli ucraini che avanzano.

La seconda è che la Russia, avendo ritirato le sue truppe sulla costa orientale – e avendo “evacuato”, a volte con la forza, un gran numero di civili – sarà ora tentata di bombardare Kherson a piacimento.

Infine, lo schema che emerge in questa guerra è che ogni volta che la Russia subisce una grave battuta d’arresto militare, risponde punendo ulteriormente la popolazione civile.

Aspettatevi altri attacchi missilistici e di droni russi per rendere l’inverno degli ucraini il più miserabile possibile.

di Essere informati

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments