giovedì, Dicembre 8, 2022
Homeultimi articoliPapa Benedetto XVI si scusa per gli abusi commessi dai sacerdoti, ma respinge...

Papa Benedetto XVI si scusa per gli abusi commessi dai sacerdoti, ma respinge le accuse


Papa Benedetto XVI si scusa per gli abusi commessi dai sacerdoti





Benedetto XVI afferma di essere stato “profondamente doloroso” essere stato definito un bugiardo a causa della sua “disattenzione” durante il suo mandato.





Papa Benedetto XVI si è scusato e ha espresso il suo dolore per gli abusi e gli errori che si sono verificati durante i suoi mandati nei vari uffici da lui ricoperti.





La sua dichiarazione è arrivata in una lettera, pubblicata dopo la pubblicazione di un rapporto sugli abusi sessuali su minori in Germania, in cui si afferma che era a conoscenza dei quattro casi dei preti pedofili quando ha ricoperto il ruolo di arcivescovo a Monaco.





“Ancora una volta posso solo esprimere a tutte le vittime di abusi sessuali la mia profonda vergogna, il mio grande dolore e la mia sincera richiesta di perdono. Ho avuto una grande responsabilità nella Chiesa cattolica”, ha sottolineato Benedetto XVI.





Joseph Ratzinger, 94 anni, aggiunge nella lettera che “tanto più grande è il mio dolore per gli abusi e gli errori che si sono verificati durante il mio mandato nei rispettivi luoghi” e assicura che è necessario, da parte del clero, “il momento della confessione”. E aggiunge: “Preghiamo pubblicamente il Dio vivente di perdonare le nostre colpe, le nostre grandi e grandissime colpe”.





“In tutti i miei incontri, specialmente durante i miei numerosi viaggi apostolici con le vittime di abusi sessuali da parte di sacerdoti, ho guardato negli occhi le conseguenze di una colpa molto grande e ho imparato a capire che noi stessi siamo trascinati in questa grande colpa quando la trascuriamo o quando non la affrontiamo con la necessaria decisione e responsabilità, come è successo e succede troppo spesso”, ammette.





Papa Benedetto XVI
Papa Benedetto XVI




“Una svista”.
Nonostante la sua richiesta di perdono, Benedetto XVI nega in un altro documento, anch’esso pubblicato oggi dai suoi collaboratori, qualsiasi accusa e conoscenza dei fatti raccontati nel rapporto diffuso in Germania.





Nella sua lettera, Ratzinger inizia difendendo il lavoro “gigantesco” nella stesura del documento in risposta all’inchiesta che ha dato all’epoca agli inquirenti e spiega che “è avvenuta una svista” sulla sua partecipazione all’Ordinariato (riunione dei vescovadi di Monaco e Frisinga) il 15 gennaio 1980.





In quella riunione, secondo l’inchiesta, si è discusso del trasferimento di un prete accusato di abusi su minori, Peter H., che poi è tornato ad abusare nell’arcidiocesi di Monaco, il che ha portato di nuovo al suo trasferimento. Benedetto XVI ha inizialmente affermato di non aver preso parte all’incontro, ma in seguito ha ritrattato questa dichiarazione e ha spiegato che si è trattato di un errore.





“Questo errore, che purtroppo si è verificato, non era intenzionale e spero che sia scusabile”, scrive il Papa emerito, che aggiunge di essere “profondamente sorpreso” che la svista abbia messo in dubbio la sua veridicità e che sia stato addirittura presentato “come un bugiardo”, pur notando che ha ricevuto numerose lettere di sostegno e le preghiere di Papa Francesco.





Benedetto XVI conclude la lettera dicendo: “Presto affronterò il giudice finale della mia vita. Anche se guardando indietro alla mia lunga vita posso avere molti motivi di timore e trepidazione, sono tuttavia in uno stato d’animo gioioso perché confido fermamente che il Signore non è solo il giudice giusto, ma anche l’amico e il fratello che ha già sofferto lui stesso i miei difetti ed è quindi, come giudice, allo stesso tempo il mio avvocato”.





Essere Informati


Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments