lunedì, Dicembre 5, 2022
HomelegaMagenta, i musulmani accusano la Lega per aver Chiesto voti alle elezioni in...

Magenta, i musulmani accusano la Lega per aver Chiesto voti alle elezioni in cambio di una moschea

Magenta, i musulmani accusano la Lega per aver Chiesto voti alle elezioni in cambio di una moschea

Muhammad e Shehroz, due giovani fedeli musulmani, hanno convocato una conferenza stampa per raccontare dello strano accordo proposto dagli esponenti del Carroccio alle ultime amministrative. Quando il partito di Salvini è stato il primo votato del centrodestra piazzando come vicesindaco Simone Gelli: Che ora è costretto a confermare l’incontro ma annuncia di aver “dato mandato ai suoi legali per presentare contro gli islamici una querela in sede penale e una causa civile di risarcimento danni”

“Abbiamo avuto un incontro segreto con la Lega. In quell’occasione sono state fatte due promesse: una moschea e uncampo da cricket. Tutto questo in cambio dei nostri voti alle elezioni comunali”.

Muhammad e Shehroz, due giovani fedeli musulmani, convocano una conferenza stampa e raccontano la recente storia politica di Magenta, in provincia di Milano, dove nella primavera 2017 il centrodestra, grazie alla poderosa affermazione del Carroccio, vince le comunali spodestando il Pd. Con un primo cittadino che viene dalla società civile, a fare la parte del leone è il vicesindaco Simone Gelli, assessore al Bilancio, alla Scuola e alla Sicurezza, nonché capo indiscusso della Lega locale. È stato lui, prima dell’estate, a rispolverare un vecchissimo regolamento dei vigili per negare alla comunità islamica, mille fedeli tra Magenta e dintorni, un luogo per pregare.

E dire che i seguaci di Maometto si sarebbero accontentati, una volta alla settimana, di un parcheggio nella zona industriale, di una piccola sezione in un parco pubblico o della tensostruttura in piazza mercato. A favore della libertà di culto, che peraltro è un diritto garantito dalla Costituzione, sono stati lanciati appelli, sono state organizzate manifestazioni, sono stati convocati tavoli di confronto, sono arrivate mille rassicurazioni e sono scesi in campo persino i parroci, scomodando l’ecumenismo. Nulla da fare. Linea dura, in città non c’è posto per i musulmani.

Forse per questo Muhammad e Shehroz decidono di rompere il silenzio, svelando il contenuto di quell’incontro segreto, a ridosso della campagna elettorale, in una cantina di Pontevecchio, frazione di Magenta, dove sarebbe stato siglato un patto inconfessabile: il partito anti Islam che incassa i voti dei musulmani in cambio del via libera alla moschea.

La Lega, costretta ad ammettere che quell’incontro c’è stato davvero, reagisce. Gelli annuncia di aver “dato mandato ai suoi legali per presentare contro gli islamici una querela in sede penale e una causa civile di risarcimento danni.

Una scelta obbligata per tutelare la mia onestà e la mia figura istituzionale. Accusarmi di aver promesso una moschea in cambio di voti vuol dire alludere a una sorta di voto di scambio”. È questo il passaggio che fa infuriare i leghisti: il voto di scambio, il reato previsto dall’articolo 416 ter del codice penale punito con una pena dai quattro ai dieci anni di carcere. Il capo del Carroccio continua: “Mi accusano di aver tradito la mia storia politica e addirittura di voler manipolare una gara pubblica, considerato che assegnare un terreno per costruire una moschea necessita di un bando. Gli islamici dicano almeno se, alla fine, hanno votato Lega e se sì, a quale candidato hanno dato la preferenza”.

continua a leggere sul ilfattoquotidiano.it

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments