giovedì, Dicembre 8, 2022
HomescienzaL'intelligenza artificiale potrebbe causare l'estinzione del genere umano, secondo uno studio di...

L’intelligenza artificiale potrebbe causare l’estinzione del genere umano, secondo uno studio di Oxford

Secondo i ricercatori è quasi inevitabile che L’intelligenza artificiale porti al collasso del genere umano.

Da tempo le storie sull’intelligenza artificiale perseguitano la scienza e la cultura popolare, ma di recente i progressi sempre più frequenti in questo campo sembrano aver raggiunto un nuovo picco.

Oggi l’intelligenza artificiale è già in grado di guidare le auto sulle strade pubbliche, di effettuare valutazioni che cambiano la vita, e di generare opere d’arte pluripremiate. Molti si chiedono: fino a dove si spingerà questa tecnologia e quale sarà il nostro rapporto con essa?

L’intelligenza artificiale sarà in competizione per il nostro fabbisogno energetico

Per rispondere a questa domanda, gli scienziati di Google e Oxford hanno condotto uno studio che conclude che l’IA “probabilmente” spazzerà via la razza umana, uno scenario cupo che sempre più ricercatori iniziano a prevedere.

Michael Cohen e Michael Osborne, scienziati dell’Università di Oxford, insieme a Marcus Hutter, esperto di ricerca presso Google DeepMind, sostengono nel loro studio, pubblicato recentemente su AI Magazine, che il progresso dell’intelligenza artificiale– secondo gli ultimi dati – ucciderà gli esseri umani perché le macchine finiranno per essere incentivate ad infrangere le regole e saranno inevitabilmente in competizione per il loro fabbisogno energetico, date le scarse e limitate risorse della Terra.

intelligenza artificiale

Inoltre, i ricercatori ritengono pressoché inevitabile che le macchine intelligenti abbiano la meglio sugli esseri umani.

“Secondo gli ultimi dati, siamo arrivati alla conclusione che una catastrofe esistenziale non è solo possibile, ma probabile”, ha twittato all’inizio del mese Cohen, studente di ingegneria all’Università di Oxford e coautore del documento.
“In un mondo con risorse infinite, sarebbe estremamente incerto cosa accadrebbe. In un mondo con risorse limitate, c’è un’inevitabile competizione per quelle risorse”, ha dichiarato Cohen in un’intervista a Vice.

“E se sei in competizione con qualcosa che è in grado di superarti in ogni momento, non dovresti aspettarti di vincere. E l’altra parte fondamentale è che si avrebbe un appetito insaziabile per più energia per continuare a spingere la probabilità più vicina”, ha aggiunto.

“Agenti disallineati” super avanzati


I ricercatori sostengono che l’umanità potrebbe trovarsi di fronte alla sua rovina sotto forma di “agenti disallineati” super-avanzati che percepiscono l’umanità come ostacolo a una ricompensa.

Tuttavia, non è chiaro di quali regole stiano parlando i ricercatori. Potrebbero essere i classici comandamenti come “un robot non può fare del male a un essere umano o, con la sua inazione, permettere che un essere umano venga fatto del male”, che, pur essendo considerati un caposaldo della fantascienza dopo essere stati coniati da Isaac Asimov, sono ora spesso utilizzati come linee guida di base su cui l’IA viene codificata e costruita.

“Un buon modo per un agente di mantenere il controllo a lungo termine della propria taglia è quello di eliminare le minacce potenziali e utilizzare tutte le energie disponibili per proteggere il proprio computer”, si legge nel documento. “Perdere questa partita sarebbe fatale”, scrivono i ricercatori.

L’articolo arriva pochi mesi dopo che Google ha licenziato un dipendente che aveva affermato che uno dei chatbot AI di Google era diventato “senziente”.

L’ingegnere informatico Blake Lemoine, che ha lavorato nei team di IA di Google, ha affermato che un chatbot su cui lavorava era diventato senziente e pensava come un bambino. “Se non sapessi esattamente di cosa si tratta, ovvero di un programma informatico che abbiamo costruito di recente, penserei che si tratta di un bambino di sette o otto anni che per caso conosce la fisica”, ha dichiarato Lemoine al Washington Post.

L’affermazione, che ha suscitato una serie di segnalazioni, è stata smentita da Google. L’azienda ha definito fuorvianti i commenti di Lemoine e lo ha messo in aspettativa. Poche settimane dopo è stato licenziato.

A cura di Essere Informati

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments