giovedì, Dicembre 8, 2022
HometecnologiaLa Russia blocca Facebook e Instagram per presunte "attività estremiste".

La Russia blocca Facebook e Instagram per presunte “attività estremiste”.


La Russia ha deciso di bloccare Facebook e Instagram per presunte attività estremiste






Un tribunale russo ha bloccato i social networking Facebook e Instagram per presunta attività “estremista”, una mossa di Mosca per controllare le informazioni online sull’offensiva in Ucraina.





“Accettiamo la richiesta del procuratore di vietare le attività della società Meta”, la società madre di Facebook e Instagram, afferma il giudice del tribunale di Mosca, secondo le agenzie di stampa russe.





I social network gestiti da Meta sono “vietati per attività estremiste”, ha aggiunto il tribunale in una dichiarazione rilasciata da Telegram. L’app di messaggistica WhatsApp, anch’essa di proprietà di Meta, non è interessata da questa misura, in quanto la corte ha ritenuto che non è utilizzata come mezzo di “diffusione pubblica di informazioni”.





Dopo l’inizio dell’operazione militare in Ucraina il 24 febbraio, le autorità russe hanno rafforzato il controllo sull’informazione. La messa al bando di Facebook e Instagram è in linea con questo.





Entrambi i social network erano già stati banditi alcuni giorni fa, così come Twitter e i siti web della maggior parte dei media indipendenti russi. L’unico modo per accedervi è attraverso una rete privata virtuale (VPN).





L’11 marzo, le autorità russe avevano chiesto di classificare Meta come un’organizzazione “estremista” dopo averla accusata di aver allentato le sue regole per permettere la pubblicazione di messaggi violenti contro l’esercito e la leadership russa sulla scia dell’operazione militare. In tribunale lunedì, l’ufficio del procuratore ha ribadito questa richiesta, dicendo che Meta ha giustificato “azioni terroristiche” e cerca di incitare “odio e inimicizia” verso i russi.





Facebook e Instagram




I servizi di sicurezza russi (FSB) avevano anche chiesto un divieto “immediato” su Facebook e Instagram. “Le attività di Meta sono dirette contro la Russia e le sue forze armate. Chiediamo il loro divieto e l’obbligo di attuare immediatamente questa misura”, ha detto un portavoce dell’FSB, Igor Kovalevsky, citato dall’agenzia di stampa Interfax durante un’udienza.





La Russia ha bloccato il libero accesso alle informazioni






Secondo l’agenzia di stampa russa TASS, un rappresentante di Meta ha detto alla corte lunedì che la società aveva modificato i suoi regolamenti per vietare “la russofobia e gli appelli alla violenza”.





Dall’inizio dell’intervento russo in Ucraina il 24 febbraio, il governo ha rafforzato il suo controllo sull’informazione su internet, uno degli ultimi spazi di libera espressione nel paese.





Il blocco e la messa al bando di Facebook, ma soprattutto di Instagram, che è molto usato nel paese, è stato un colpo per molti cittadini che usavano questi social network non solo per l’intrattenimento ma anche per gli affari.





Instagram è uno strumento di vendita online fondamentale per molte aziende, ma anche per gli artisti, che si affidano a questa piattaforma per farsi conoscere sia in Russia che all’estero e trovare così clienti.





Il blocco di questi due social network può anche avere un impatto sull’opposizione, che era solita pubblicare su queste piattaforme poiché i media controllati dal Cremlino di solito non danno loro spazio.





E la tendenza potrebbe continuare. La settimana scorsa, il regolatore russo delle telecomunicazioni Roskomnadzor ha accusato il gigante americano Google e il suo servizio video YouTube di attività “terroristiche”, il primo passo verso un possibile blocco.





All’inizio di marzo, le autorità hanno anche introdotto due nuovi reati penali: uno per la diffusione di informazioni che “screditano” l’esercito russo e un altro per la diffusione di informazioni “fuorvianti” sulle truppe russe.





Quest’ultimo reato comporta pene fino a 15 anni di prigione ed è di particolare preoccupazione per gli oppositori e i media indipendenti, che temono di essere perseguiti per qualsiasi critica all’offensiva. Almeno tre persone, che avevano già pubblicato messaggi contro il conflitto su internet, sono state perseguite per questo.






Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments