lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeSaluteGli scienziati scoprono un farmaco in grado di combattere sia il cancro...

Gli scienziati scoprono un farmaco in grado di combattere sia il cancro che il COVID-19

Scoperto un farmaco in grado di combattere sia il cancro che il COVID-19

Mentre i vaccini contro il COVID-19 sono efficaci, gli scienziati continuano a cercare farmaci per affrontare potenziali nuovi (e pericolosi) ceppi del virus. L’ultima scoperta riguarda la proteina chaperone GRP87, che è essenziale per la diffusione del SARS-CoV-2.

Lo studio, guidato dalla biochimica Amy S. Lee della University of Southern California (USC) e pubblicato su Nature Communications, ha scoperto che questa proteina – coinvolta nella diffusione di altri virus – svolge un ruolo essenziale nella diffusione del virus che causa il covide.

Lo studio dimostra che quando la produzione di GRP78 viene bloccata o la sua attività inibita da un nuovo farmaco sviluppato per il trattamento del cancro, la replicazione del virus si riduce notevolmente.

La ricerca suggerisce che questo farmaco potrebbe proteggere dal COVID-19 ed essere efficace anche quando si sviluppano nuovi ceppi.

“Un problema importante nella lotta contro la SARS-CoV-2 è che muta e si adatta costantemente per infettare e moltiplicarsi in modo più efficiente nelle sue cellule ospiti”, spiega Lee in un comunicato stampa.

farmaco in grado di combattere sia il cancro che il COVID-19

Lo Studio della proteina GRP78


Alla ricerca di modi più stabili per combattere il COVID-19, Lee e i colleghi della USC Keck School of Medicine e del Cleveland Clinic Florida Center for Research and Innovation hanno iniziato a studiare il ruolo della GRP78, una proteina chaperone cellulare fondamentale.

In uno studio pubblicato nel 2021, i ricercatori del Keck hanno dimostrato che quando il SARS-CoV-2 infetta un organismo, il GRP78 viene dirottato per lavorare di concerto con altri recettori cellulari per trasportare il virus SARS-CoV-2 nelle cellule, dove si riproduce e si diffonde.

Ma i ricercatori non sono sicuri che il GRP78 sia “necessario ed essenziale” per la replicazione del SARS-CoV-2 nelle cellule polmonari umane.

Esaminando le cellule epiteliali polmonari umane infettate dal SARS-CoV-2, il team di ricerca ha osservato che, con l’intensificarsi dell’infezione virale, le cellule infette producono livelli più elevati di GRP78.

Poi, in coltura cellulare, il team di Lee ha soppresso la produzione di GRP78 nelle cellule epiteliali polmonari.

Meno della proteina spike virale

Quando le cellule sono state infettate con il SARS-CoV-2, hanno prodotto una quantità minore di proteina spike virale e hanno rilasciato una quantità molto minore di virus per infettare altre cellule, dimostrando che la GRP78 era necessaria ed essenziale per la replicazione del virus.

Successivamente, per valutare l’efficacia di un trattamento con GRP78 nel trattamento del covide, il team ha testato il farmaco HA15, sviluppato per l’uso contro le cellule tumorali, su cellule polmonari infette.

“Abbiamo scoperto che questo farmaco era molto efficace nel ridurre il numero e le dimensioni delle placche di SARS-CoV-2 prodotte nelle cellule infette, a dosi sicure che non avevano effetti dannosi sulle cellule normali”, spiega Lee.

IL Farmaco HA15 nei topi

I ricercatori hanno testato l’HA15 in topi geneticamente modificati e hanno scoperto che il farmaco riduceva notevolmente la carica virale nei polmoni.

In uno studio parallelo, Lee e i ricercatori del Keck, insieme a scienziati dell’Università del Michingan, hanno valutato l’efficacia di HA15 nel cancro e di un altro inibitore di GRP78, YUM70.

Hanno scoperto che HA15 e YUM70 possono sopprimere la produzione di proteine KRAS mutanti – una mutazione comune che tende a resistere al trattamento farmacologico – e ridurre la vitalità delle cellule tumorali con tali mutazioni nel cancro del pancreas, del polmone e del colon.

Questi risultati, appena pubblicati sulla rivista Neoplasia, suggeriscono che puntare su GRP78 può aiutare a combattere questi tumori mortali.

Si tratta di studi di principio; sono necessarie ulteriori ricerche, compresi studi clinici, per stabilire che HA15 e YUM70 sono sicuri ed efficaci per l’uso nell’uomo.

Questi e altri inibitori di GRP78 sono ora in fase di sperimentazione come trattamenti per la COVD-19 e il cancro.

di Essere informati

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments