domenica, Dicembre 4, 2022
HomeSaluteGalli smentito dal suo ospedale: “Non è vero! Le terapie non sono invase...

Galli smentito dal suo ospedale: “Non è vero! Le terapie non sono invase da variante inglese”


Non è vero! Le terapie non sono invase da variante inglese





Arriva la Smentita dallo stesso ospedale di Massimo Galli, dove lui stesso, in questi giorni aveva lanciato l’allarme riguardo a reparti pieni super affollati a causa della nuova variante inglese. In realtà sarebbero Solo 6 i pazienti positivi alla variante inglese su un totale di 50 casi all’ospedale Sacco di Milano”. A precisarlo è proprio l’Asst Fatebenefratelli Sacco poco dopo aver sentito parlare di reparti pieni da nuove varianti del virus.
Ma non solo, infatti L’ospedale tiene a precisare come tali affermazioni non rappresentano la reale situazione epidemiologica all’interno del presidio”. E ancora: “Attualmente le percentuali di varianti identificate sono in linea con la media nazionale ed inferiori alla media regionale”.
l’ospedale tiene anche a precisare che dal 23 dicembre 2020 al 4 febbraio 2021 sono stati ricoverati 314 pazienti risultati positivi al Covid.





Le analisi fatte hanno confermato la presenza di 6 pazienti positivi alla variante inglese su un totale di 50
La precisazione arriva dopo che il primario dell’ospedale Sacco di Milano Massimo Galli aveva lanciato un allarme: “Siamo tutti d’accordo che vorremmo riaprire tutto quello che si può aprire. Però guardi caso io mi ritrovo ad avere il reparto invaso da nuove varianti, e questo riguarda tutta quanta l’Italia e fa facilmente prevedere che a breve avremo problemi più seri. Questa è la realtà attorno alla quale è inutile fare ricami”.





Oggi invece Asst Fatebenefratelli precisa che la situazione è sotto controllo. Anzi, “inferiore alla media regionale”.
E poi dall’ospedale tengono a precisare che “in collaborazione e sintonia con l’Ats Città Metropolitana di Milano, l’Asst Fatebenefratelli Sacco con il suo Laboratorio di Microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze è già dalla fine di dicembre 2020 parte attiva del sistema di sorveglianza sulle varianti, coordinato dall’Istituto superiore di sanità ed è stato individuato come uno dei 6 laboratori regionali accreditati a livello nazionale”.





Intanto però in Lombardia le varianti Covid restano sorvegliate speciali: sono 578 i casi di varianti Covid registrati fino a ieri 16 febbraio e “non c’è una situazione di pressione dal punto di vista ospedaliero. Ma è vero che i numeri sono in ascesa e il tema delle varianti è molto preoccupante”, come ha annunciato il direttore generale Welfare di Regione Lombardia, Marco Trivelli. 


Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments