venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeucrainaCos'è una bomba sporca e quali danni può causare?

Cos’è una bomba sporca e quali danni può causare?

bomba sporca: Significato e quali danni può causare

Cosa si intende per bomba sporca? Nella guerra fra Russia e Ucraina entrambe le parti si accusano a vicenda di pianificare l’uso dibombe sporche“, ed entrambe le parti respingono tali accuse. Quali danni possono causare queste bombe e chi le usa?

il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu accusa l’Ucraina di voler usare “bombe sporche“. Secondo Shoigou, Kiev starebbe pianificando un attacco del genere per poi puntare il dito contro le forze russe come responsabili e screditare Mosca. Il presidente ucraino Volodymir Zelensky e diversi governi occidentali hanno respinto con fermezza tali accuse. Dal punto di vista di Kiev, tuttavia, sarebbe il contrario. Secondo Zelensky, è Mosca ad avere questi piani.

Una bomba sporca è un’arma convenzionale contenente materiale radioattivo, come quello utilizzato nella radioterapia medica, nella conservazione degli alimenti o nei test di materiali industriali in condizioni controllate.

Le “bombe sporche” non sono bombe atomiche.

Non sono bombe atomiche, sottolinea Richter, colonnello dell’esercito tedesco in pensione e membro del gruppo di ricerca sulla politica di sicurezza dell’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza (SWP). “Questo significa che non ci sono reazioni nucleari a catena, che possono scatenare un’immensa potenza distruttiva. Non ci sono nemmeno temperature elevate letali per gli esseri viventi, su vaste aree, né onde di pressione e di risucchio, né radiazioni neutroniche estremamente pericolose, che possono essere trasportate su lunghe distanze dal vento e dalla pioggia.

Secondo Richter, tutto questo vale per le armi nucleari, ma non per le bombe sporche. Secondo il ricercatore, il pericolo immediato di una bomba sporca non va oltre la carica esplosiva stessa. A lungo termine, tuttavia, la radioattività è quantomeno dannosa per la salute e, a seconda della quantità di radiazioni assorbite, può anche essere fatale. A seconda delle dimensioni dell’esplosione e del livello di radioattività, ci sarebbero aree piuttosto ampie che potrebbero diventare inabitabili per un certo periodo di tempo

Il timore del terrorismo radioattivo

Le bombe sporche non sono un’arma nuova. Ma finora sono stati utilizzati soprattutto come minaccia da organizzazioni o gruppi terroristici.

Nel 2003 la polizia ha sequestrato due carichi illegali di cesio e stronzio a Tbilisi e Bangkok, che avrebbero potuto essere utilizzati per costruire una bomba sporca.

Una simile esplosione, scriveva il ricercatore della SWP Gebhard Geiger, avrebbe richiesto un’evacuazione su larga scala di un’area densamente popolata, seguita da una bonifica che sarebbe costata miliardi di dollari.

L’avvocato e giornalista statunitense Steven Brill ha dedicato alla questione un articolo nel settembre 2016, finito sulla copertina della rivista politica The Atlantic. “L’America è più sicura?” è il titolo dell’articolo, pubblicato nel 15° anniversario degli attacchi terroristici dell’11 settembre.

Secondo Brill solo nel 2013 e 2014 sono stati denunciati 325 casi di perdita o furto di materiale radioattivo, senza considerare le perdite di tale materiale che non sono state denunciate.

Più danni psicologici che fisici?


Secondo la ricerca di Brill, un attacco nel centro di Washington D.C. con una bomba sporca di questo tipo, probabilmente usata da terroristi, potrebbe provocare la contaminazione radioattiva di 40 isolati della città e costerebbe miliardi per la decontaminazione. Tuttavia, spiega Brill, anche senza un’evacuazione, non più di una cinquantina di persone morirebbero a causa delle radiazioni, ma il pericolo maggiore sarebbe il panico tra la popolazione, per cui la gente dovrebbe essere ben informata.

Al contrario, una bomba sporca di fabbricazione militare potrebbe causare danni maggiori, simili al rilascio di radiazioni in un incidente in una centrale nucleare, afferma Richter. “Un esempio potrebbe essere Chernobyl”, dice. Nella centrale nucleare di Chernobyl, nel nord dell’Ucraina, uno dei reattori è esploso a causa di un malfunzionamento nel 1986 e da allora il sito è circondato da una zona di esclusione con un raggio di 30 chilometri.

Un attacco con bombe sporche sarebbe “assurdo”.
Tuttavia, l’ex colonnello dell’esercito tedesco ritiene altamente improbabile, per diverse ragioni, che la Russia pianifichi un simile attacco. In primo luogo, sarebbe in contraddizione con la mobilitazione delle forze, poiché “la Russia scommette sull’escalation della guerra con mezzi convenzionali”.

Inoltre, c’è il pericolo che il vento trasporti le radiazioni in direzione delle truppe stesse. In terzo luogo, contaminerebbe a lungo termine territori e parti della popolazione fedeli al Cremlino. “Ecco perché penso che l’uso di tali bombe non solo sarebbe irresponsabile, ma anche piuttosto assurdo”, afferma l’esperto. Il pericolo di un’escalation risiede, secondo l’esperto, nelle speculazioni di entrambe le parti sull’uso di bombe sporche: “Anche l’Ucraina ha già parlato di un attacco preventivo contro un possibile attacco nucleare da parte della Russia”, conclude.

Di Essere Informati

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

Recent Comments